Seguici su Facebook per essere sempre aggiornato su nuovi giochi, test, recensioni e articoli!

Se stai cercando dei materiali operativi, troverai moltissime schede e web-app gratuite sul GameCenter Matematica.

Che cos'è

La discalculia è una condizione caratterizzata da marcata difficoltà negli apprendimenti matematici in presenza di normale intelligenza, tipica esperienza scolastica e istruzione, in assenza di alterazioni neurosensoriali che possano giustificare tale difficoltà.

Il ragazzo discalculico può manifestare diversi tipi di difficoltà che spesso ricadono in questi ambiti:

  • Non riesce a capire la relazione tra numero e quantità
  • Ha difficoltà a leggere e scrivere i numeri (scrive i numeri al contrario, li confonde tra loro, inverte l’ordine delle cifre…)
  • Non sa contare alla rovescia
  • Confonde i segni aritmetici (il + con il -, la moltiplicazione e la divisione)
  • Ha difficoltà a mettere i numeri in colonna
  • Non riesce a imparare le regole di prestito e riporto
  • È più lento e commette più errori rispetto ai compagni
  • Fatica a imparare le tabelline

Più in generale, per quanto si impegni nello studio, manifesta sempre grandi difficoltà nel fare i calcoli e ottiene spesso brutti voti. Inoltre, è possibile notare un grande affaticamento durante lo svolgimento degli esercizi matematici; questo perché, non avendo automatizzato le procedure di calcolo, deve impiegare molta attenzione per completare i compiti. Spesso gli scarsi risultati vengono interpretati come conseguenza dello scarso impegno, e il ragazzo finisce per essere colpevolizzato dagli adulti, con possibili ricadute sulla sua autostima.

Di norma si presenta in associazione ad altre difficoltà, soprattutto nella lettura (possibile dislessia) e nella scrittura (possibile disortografia).

Come si diagnostica

La diagnosi di discalculia può essere effettuata solo alla fine del terzo anno della scuola primaria da uno psicologo e/o da un neuropsichiatra (solitamente affiancato da altre figure professionali, ad esempio il logopedista). Si può effettuare uno screening per capire se sia necessario procedere col vero e proprio iter diagnostico che comprende una valutazione testistica approfondita; questo perché, essendo ogni dislessico diverso dagli altri, è necessario avere una visione chiara del profilo caratteristico del ragazzo che individui tanto le aree di difficoltà quanto i punti di forza.

[the_ad id=”8919″]

Come si interviene

Al termine del percorso diagnostico è possibile attuare specifiche attività di potenziamento (percorso logopedico e neuropsicologico) volte al compenso delle difficoltà, oltre a predisporre gli aiuti scolastici previsti dalla legge 170/10 (ad esempio, possibilità di usare la calcolatrice o le tavole pitagoriche, ottenere tempi più lunghi per lo svolgimento dei compiti, ecc.).

Dopo la diagnosi Cosa fare dopo la diagnosi
Memocalcolo La recensione

Vuoi richiedere una valutazione?

Tutte le informazioni utili: tempi, sede, costi

Normative sui DSA

Strumenti pratici

Riferimenti bibliografici

American Psychiatric Association. (2000). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (4th ed., text revision). Washington, DC: Author.
Badian, N. A. (1983). Arithmetic and nonverbal learning. In H. R. Myklebust (Ed.), (Vol. 5) (pp. 235–264). Progress in learning disabilities, New York: Grune and Stratton.
Geary, D. C. (1993). Mathematical disabilities: Cognition, neuropsychological and genetic components. Psychological Bulletin, 114, 345–362.
Geary, D. C., Hamson, C. O., & Hoard, M. K. (2000). Numerical and arithmetical cognition: A longitudinal study of process and concept deficits in children with learning disability. Journal of Experimental Child Psychology, 77, 236–263.
Geary, D. C., & Hoard, M. K. (2001). Numerical and arithmetical deficits in learning-disabled children: Relation to dyscalculia and dyslexia. Aphasiology, 15(7), 635–647.
Ginsburg, H. P. (1997). Mathematics learning disabilities: A view from developmental psychology. Journal of Learning Disabilities, 30, 20–33.
Hanich, L. B., Jordan, N. C., Kaplan, D., & Dick, J. (2001). Performance across different areas of mathematical cognition in children with learning difficulties. Journal of Educational Psychology, 93, 615–626.
Jordan, N., & Montani, T. (1997). Cognitive arithmetic and problem solving: A comparison of children with specific and general mathematics difficulties. Journal of Learning Disabilities, 30(6), 624–634.
Kinsbourne, M., & Warrington, E. K. (1963). The developmental Gerstmann Syndrome. Annals of Neurology, 8, 490–501.
Kirby, J. R., & Becker, L. D. (1988). Cognitive components of learning problems in arithmetic. Remedial and Special Education, 9, 7–16.
Kosc, L., (1974). Developmental dyscalculia, J.Learn.Disabil., 7, 46 – 59
Landerl, K., Bevan, A., Butterworth, B. (2004). Developmental dyscalculia and basic numerical capacities: a study of 8–9-year-old students. Cognition, 93, 99 – 125.
Lewis, C., Hitch, G., & Walker, P. (1994). The prevalence of specific arithmetic difficulties and specific reading difficulties in 9- and 10-year old boys and girls. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 35, 283–292.
Rosenberg, P. B. (1989). Perceptual-motor and attentional correlates of developmental dyscalculia. Annals of Neurology, 26, 216–220.
Rourke, B. P. (1993). Arithmetic disabilities, specific and otherwise: A neuropsychological perspective. Journal of Learning Disabilities, 26, 214–226.
Russell, R. L., & Ginsburg, H. P. (1984). Cognitive analysis of children’s mathematical difficulties. Cognition and Instruction, 1, 217–244.
Shalev, R. S., & Gross-Tsur, V. (2001). Developmental dyscalculia. Review article. Pediatric Neurology, 24, 337–342.
Shalev, R. S., Manor, O., & Gross-Tsur, V. (1997). Neuropsychological aspects of developmental dyscalculia. Mathematical Cognition, 3(2), 105–120.
Spellacy, F., & Peter, B. (1978). Dyscalculia and elements of the developmental Gerstmann syndrome in school children. Cortex, 14(2), 197–206.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca