È cosa ormai assodata e nota che le funzioni esecutive siano in stretta relazione (insieme all’intelligenza) a tanti aspetti della nostra vita: abbiamo dati riguardanti la loro predittività rispetto al rendimento scolastico, alla creatività, alla capacità di lettura e alla comprensione del testo, alle abilità matematiche, al linguaggio e all’aggressività.

Solitamente, però, nell’analizzare l’effetto delle funzioni esecutive su aspetti importanti della nostra vita, le ricerche si concentrano soprattutto sulle cosiddette funzioni esecutive fredde, cioè quelle più “cognitive” e svincolate dalle emozioni (per esempio, la memoria di lavoro, la flessibilità cognitiva e l’inibizione); molto meno si parla invece delle cosiddette funzioni esecutive calde, cioè quelli che riguardano gli scopi che guidano le nostre decisioni (soprattutto se permeati da aspetti emotivi e motivazionali), il controllo emotivo, la ricerca di gratificazioni e la capacità di posticiparle.

Nel 2018, Poon[2] ha quindi deciso di testare un gruppo di adolescenti rispetto agli apprendimenti scolastici e rispetto al loro benessere psicologico e capacità di adattamento; contemporaneamente, gli stessi adolescenti sono stati sottoposti a valutazione delle funzioni esecutive, sia fredde che calde, attraverso apposita batteria standardizzata.


Cosa è emerso dalla ricerca?

Malgrado quanto affermato dall’autore nel suo stesso articolo, tutti i test utilizzati per valutare le funzioni esecutive fredde (controllo attentivo, inibizione memoria di lavoro, flessibilità cognitiva e pianificazione) e calde (decision making) erano scarsamente o per nulla correlati fra loro (la correlazione più alta, e unica a raggiungere il livello di significatività statistica, era di solo r = 0,18!); questo lascia ipotizzare, coerentemente a quanto sostenuto da Miyake e colleghi[1], che le varie componenti delle funzioni esecutive siano relativamente dissociabili fra loro.

Un aspetto sicuramente molto interessante è che, al netto dell’influenza del livello intellettivo, le funzioni esecutive fredde risultavano predittive del rendimento scolastico mentre le funzioni esecutive calde si dimostravano predittive dell’adattamento psicologico.
Le funzioni esecutive fredde e calde, pur lavorando in maniera sinergica, sembrano essere allora due costrutti differenti e con una diversa importanza rispetto a vari contesti di vita.

Infine, altri dati degni di nota riguardano l’andamento dei punteggi nei test utilizzati in questa ricerca, dai 12 ai 17 anni di età: la memoria di lavoro verbale mostra una crescita continua con l’età (nella fascia considerata in questa ricerca), mostrando inoltre un rapido incremento intorno ai 15 anni di età; anche il controllo attentivo appare in crescita costante in questa fascia di età; la flessibilità cognitiva sembra incrementarsi in maniera continua fino ai 16 anni di età; analogamente, la capacità di inibizione mostra un ripido innalzamento dai 13 anni fino ai 16; la pianificazione, infine, mostra una crescita continua con l’età, mostrando però un picco di incremento intorno ai 17 anni di età.
Molto diverso è l’andamento delle funzioni esecutive calde poiché l’andamento dai 12 ai 17 anni di età è a campana (o a “U” rovescata); in altri termini, intorno ai 14 – 15 anni di età si osservano (in questa ricerca) prestazioni peggiori rispetto alle età precedenti e successive; più precisamente, in questa fascia di età si assiste a una maggior propensione al rischio e alla ricerca di piccole ma immediate gratificazioni (rispetto a quelle più lontane nel tempo ma più grandi).

Per concludere…

Riguardo alle funzioni esecutive fredde, l’inibizione, la memoria di lavoro e la flessibilità cognitiva sembrano maturare più precocemente rispetto alla pianificazione; si può quindi supporre che le prime (più basiche) costituiscano la base per lo sviluppo di quest’ultima (di ordine più elevato).

Rispetto alle funzioni esecutive calde, l’andamento a “U” rovesciata osservato potrebbe spiegare l’aumento di propensione per i comportamenti a rischio frequentemente osservabili in età adolescenziale.

Più in generale, i test per le funzioni esecutive fredde e quelli per le funzioni esecutive calde appaiono misurare effettivamente costrutti differenti: le prime, infatti, sembrano in relazione maggiormente con il raggiungimento di obiettivi più “cognitivi” (per esempio, la resa scolastica), i secondi risultano maggiormente in relazione con obiettivi più sociali ed emotivi.

Appare quindi utile una visione più integrata delle funzioni esecutive, troppo spesso sbilanciata esclusivamente sulle componenti più fredde.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

BIBLIOGRAFIA

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

error: Content is protected !!